La Pro Loco “Città di Anzio”: tre settimane speciali in collaborazione con l’Associazione CassiAvass di Ladispoli

La Pro Loco “Città di Anzio” è stata contattata dall’Associazione CassiAvass di Ladispoli, che ha chiesto la disponibilità e collaborazione in occasione del soggiorno di tre gruppi di ragazzi con disabilità, previsti ad Anzio presso l’Hotel Lido Garda in tre periodi, dal 25 maggio al 26 giugno scorso.

“Ormai da anni l’Istat raccoglie dati ed elabora statistiche che tentano di documentare le condizioni di vita delle persone affette da disabilità fisiche e mentali  – spiega nel comunicato la Pro Loco Città di Anzio – e definire attraverso delle percentuali quale sia il grado delle loro mancanze, quali le differenze che si incontrano rispetto al resto della popolazione. Spesso però dimentichiamo che dietro le definizioni e le statistiche ci sono le persone, individui ciascuno con la propria vita e attorno a loro una rete familiare di supporto e protezione. Proteggere, dunque, è un’azione ancora necessaria perché, sebbene in Italia negli ultimi decenni molto sia stato fatto, è vero anche che la strada da percorrere per raggiungere un’inclusione vera e un sostegno duraturo è ancora molto lunga. Ma la necessità di continuare lungo il percorso intrapreso è oggi più che mai indispensabile se l’obiettivo che ci si è proposti di raggiungere è quello di disegnare una società più equa, capace di abbattere le barriere, quelle mentali oltre che architettoniche, che offra possibilità di inclusione e sia in grado di garantire a tutti pari opportunità.
Il supporto alla promozione dell’inclusione sociale, affinché il disabile non sia più considerato solo per la sua diversità ma come un essere umano con le proprie specifiche peculiarità, parte di una società che si proponga di accoglierlo piuttosto che emarginarlo, è da sempre una delle azioni in cui la Pro Loco “Città di Anzio” mostra una sensibilità particolare. Un sentimento che si è rivelato soprattutto attraverso l’attenzione rivolta alla creazione di percorsi diretti a favorire il superamento delle disuguaglianze con la partecipazione ad attività sportive e culturali. La nostra Associazione da sempre vicina alle persone meno fortunate, ha accolto con gioia questa richiesta.
Accompagnati dal presidente Augusto Mammola e dal vicepresidente Tommaso Amato in qualità di guida, con la preziosa collaborazione dell’assessore alle Politiche Sociali Velia Fontana, i ragazzi con i loro accompagnatori hanno visitato i luoghi più suggestivi della nostra città: Villa di Nerone, Monumento a Nerone, ad Angelita, Riserva Naturale di Tor Caldara, Museo Archeologico e Museo dello Sbarco, passeggiando lungo il Porto e visitando la città.
Hanno potuto ammirare la splendida spiaggia sottostante la Villa di Nerone accolti dai gestori dello stabilimento “Fanciulla d’Anzio” e gustare sapori tipici del gelato offerto dai soci Alessandro e Antonio Toppetta.
Inoltre la sera durante la cena, non sono mancati momenti di spettacolo con gli amici: Avio Focolari, che con il suo fischio ha stupito e divertito gli ospiti e Giancarlo Sensidoni, che con la sua musica ha fatto ballare e cantare tutti i presenti. Un particolare ringraziamento va agli aAssessori Velia Fontana ed Eugenio Ruggiero che hanno partecipato all’evento, a Giovanni Garzia e a tutto lo staff dell’Hotel Lido Garda per l’accoglienza, la sensibilità e l’amore dimostrato verso gli ospiti”

fonte ufficio comunicazione Comune di Anzio